E' stato completato il 0% del questionario
Attenzione: Javascript è disabilitato nel browser che si sta usando. Potrebbe non essere possibile rispondere a tutte le domande dell'indagine. Verificare le impostazioni del browser.

Questionario sulla gestione dei residui di prodotti e/o sostanze non ammesse su prodotti biologici

Le contaminazioni da sostanze non ammesse sui prodotti agroalimentari e nell’ambiente costituiscono da tempo un problema serio per il settore biologico europeo. In particolare, le istituzioni europee hanno evidenziato, la necessità e l’urgenza di condividere le informazioni disponibili in materia di residui, nonché approcci e buone pratiche di gestione delle contaminazioni (art. 29, par. 9 del Reg. (UE) n. 2018/848).

Di qui la necessità di raccogliere elementi utili sia per gli obblighi di comunicazione previsti ma anche per partecipare attivamente al dibattito aperto nel settore biologico europeo in prospettiva della definizione di soluzioni adeguate e soprattutto di un’armonizzazione di approcci e procedure nella gestione delle contaminazioni.

 

In tale contesto, nell’ambito del progetto finanziato dallo Scrivente dal titolo DIMECOBIO IV “Progetto per lo sviluppo e la prosecuzione delle attività volte alla definizione delle dimensioni economiche del settore dell’agricoltura biologica ai diversi livelli della filiera”, è prevista un'attività di indagine e analisi mirata a fornire un utile quadro di sintesi in materia di contaminazione da prodotti e sostanze non ammesse in agricoltura biologica.

Il presente questionario fa parte del progetto e mira a verificare e in parte a confermare le procedure di gestione dei casi di gestione di irregolarità dovute alla presenza di sostanze e/o prodotti non ammessi nei prodotti biologici certificati.

Il caso italiano, con le sue specificità, può offrire interessanti spunti di riflessione sulla materia. A tal proposito si richiede gentilmente un vostro prezioso contributo volto a raccogliere considerazioni generali ed elementi puntuali per alimentare il dibattito in corso.

 

I vostri contributi saranno trattati in modo anonimo e nel rispetto della legislazione applicabile sulla protezione dei dati. I risultati saranno pubblicati solo in modo anonimo e aggregato, senza la possibilità di riconduzioni a singole imprese o persone.

A tal fine, viene gentilmente richiesto un vostro utile contributo volto ad accertare e in parte a confermare le procedure di gestione dei casi di gestione di irregolarità dovute alla presenza di sostanze e/o prodotti non ammessi nei prodotti biologici certificati.

 

Per domande e feedback, si prega di contattare il seguente indirizzo e-mail: andrea.cristaldini.ext@politicheagricole.it

Ci sono 47 domande in questa indagine.